L’acquedotto romano di Castel Trosino

Un acquedotto romano lungo 2500 mt. con una pendenza dell’1% convogliava l’acqua salmacina in Ascoli Piceno. Il condotto segue la sponda sinistra del fiume Castellano ed è scavato in parte nella roccia e in parte nel terreno. Il cunicolo si snoda in direzione nord-sud, con la base di 70 cm e l’altezza massima di 145 cm con soffitto a botte, le pareti sono realizzate in opus incertum , le murature sono legate da malta di calce e sabbia. Lungo le pareti sono presenti incrostazioni di calcare dovuto al deposito delle acque fino ad una altezza di 60 cm. I resti dell’acquedotto sono visibili vicino alla diga della centrale ENEL.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.